Tyler Winklevoss ritiene che il Bitcoin non verrà messo al bando dagli USA

Il regime degli Stati Uniti ha intensificato, in questi ultimi anni, sempre di più la vigilanza sulle criptovalute, sebbene ormai una messa al bando assoluta dei Bitcoin è improbabile, almeno secondo il co-fondatore e amministratore delegato di Gemini, Tyler Winklevoss.

“Penso che se fossimo nuovamente nel 2013, questa sarebbe una questione aperta”, ha risposto Winklevoss al podcaster Peter McCormack quando gli ha chiesto della regolamentazioni e di un bando del Bitcoin (BTC), nella puntata di venerdì scorso del podcast What Bitcoin Did:

“Penso che gli USA non vieteranno mai i Bitcoin. Ci sono troppi precedenti che son stati fissati dalle corti. Il provvedimento di Coinflip, che era un CFTC [Commodity Futures Trading Commission] ha prodotto una misura di esecuzione che è stata sostenuta nelle corti, le quali hanno considerato il Bitcoin al pari di un bene come l‘oro.“

Nel 2015, la CFTC ha definito il BTC come un bene nel pieno dell’affare con Derivabit, una piattaforma BTC di trading di opzioni. A detta della CFTC, Derivabit, un progetto di una compagnia chiamata Coinflip, in quel momento non era conforme con l‘organo di governo.

“Siamo una società fiduciaria di New York regolamentata dal New York Department of Financial Services”, ha proseguito Winklevoss, in riferimento a Gemini. “Molte cose dovrebbero essere cancellate”, ha affermato a proposito di un bando di Bitcoin, e ha aggiunto:

“Stai dicendo che le aziende che forniscono carriere, che stanno costruendo l’economia, stanno per essere quotate in borsa. Diventeranno il volano del mercato. Tornare indietro è poco probabile per me. Ovviamente non lo è allo 0%, ma potrebbe anche essere così”.